Normal 
 0 
 14 
 
  
  
  
  
  
  
 
 MicrosoftInternetExplorer4 
  
  Mostra Fotografica Ethiopia Spiritual Imprints Abbazia di San Giorgio Maggiore, Venezia  L’allestimento della mostra fotografica di Lizy Manola presso l’Officina del’Arte Spirituale nell’Isola di San Giorgio Maggiore, nasce da due obiettivi progettuali: armonizzare ogni foto con lo spazio, calibrando con cura lo sfondo che la incornicia; creare un’atmosfera suggestiva, capace di evocare la profonda spiritualità del popolo etiope. Una serie di interventi mirati hanno reso lo spazio essenziale, eliminando i dettagli superflui e razionalizzando il percorso fra gli ambienti. Si è rivelata così un’architettura pura, in cui opere diverse per intensità, luce e colore hanno trovato la loro giusta collocazione in cui un’accurata disposizione di luci e ombre, velate dal timbro terroso dello sfondo, esalta la viva suggestione del racconto fotografico.     Data: 2014  Progettista: Paolo De Benedictis  Collaboratori: Emina Gauzanovic, Maria Angilecchia  Fotografa: Alessandra Chemollo               <<  cambia progetto  >>

Mostra Fotografica Ethiopia Spiritual Imprints
Abbazia di San Giorgio Maggiore, Venezia

L’allestimento della mostra fotografica di Lizy Manola presso l’Officina del’Arte Spirituale nell’Isola di San Giorgio Maggiore, nasce da due obiettivi progettuali: armonizzare ogni foto con lo spazio, calibrando con cura lo sfondo che la incornicia; creare un’atmosfera suggestiva, capace di evocare la profonda spiritualità del popolo etiope. Una serie di interventi mirati hanno reso lo spazio essenziale, eliminando i dettagli superflui e razionalizzando il percorso fra gli ambienti. Si è rivelata così un’architettura pura, in cui opere diverse per intensità, luce e colore hanno trovato la loro giusta collocazione in cui un’accurata disposizione di luci e ombre, velate dal timbro terroso dello sfondo, esalta la viva suggestione del racconto fotografico.

 

Data: 2014

Progettista: Paolo De Benedictis

Collaboratori: Emina Gauzanovic, Maria Angilecchia

Fotografa: Alessandra Chemollo         

 

<< cambia progetto >>

 Mostra Fotografica Ethiopia Spiritual Imprints Abbazia di San Giorgio Maggiore, Venezia  L’allestimento della mostra fotografica di Lizy Manola presso l’Officina del’Arte Spirituale nell’Isola di San Giorgio Maggiore, nasce da due obiettivi progettuali: armonizzare ogni foto con lo spazio, calibrando con cura lo sfondo che la incornicia; creare un’atmosfera suggestiva, capace di evocare la profonda spiritualità del popolo etiope. Una serie di interventi mirati hanno reso lo spazio essenziale, eliminando i dettagli superflui e razionalizzando il percorso fra gli ambienti. Si è rivelata così un’architettura pura, in cui opere diverse per intensità, luce e colore hanno trovato la loro giusta collocazione in cui un’accurata disposizione di luci e ombre, velate dal timbro terroso dello sfondo, esalta la viva suggestione del racconto fotografico.     Data: 2014  Progettista: Paolo De Benedictis  Collaboratori: Emina Gauzanovic, Maria Angilecchia  Fotografa: Alessandra Chemollo &nbsp;&nbsp;&nbsp;&nbsp;&nbsp;&nbsp;&nbsp;&nbsp;      &lt;&lt;&nbsp; cambia progetto &nbsp;&gt;&gt;

Mostra Fotografica Ethiopia Spiritual Imprints
Abbazia di San Giorgio Maggiore, Venezia

L’allestimento della mostra fotografica di Lizy Manola presso l’Officina del’Arte Spirituale nell’Isola di San Giorgio Maggiore, nasce da due obiettivi progettuali: armonizzare ogni foto con lo spazio, calibrando con cura lo sfondo che la incornicia; creare un’atmosfera suggestiva, capace di evocare la profonda spiritualità del popolo etiope. Una serie di interventi mirati hanno reso lo spazio essenziale, eliminando i dettagli superflui e razionalizzando il percorso fra gli ambienti. Si è rivelata così un’architettura pura, in cui opere diverse per intensità, luce e colore hanno trovato la loro giusta collocazione in cui un’accurata disposizione di luci e ombre, velate dal timbro terroso dello sfondo, esalta la viva suggestione del racconto fotografico.

 

Data: 2014

Progettista: Paolo De Benedictis

Collaboratori: Emina Gauzanovic, Maria Angilecchia

Fotografa: Alessandra Chemollo         

 

<< cambia progetto >>

 Mostra Fotografica Ethiopia Spiritual Imprints Abbazia di San Giorgio Maggiore, Venezia  L’allestimento della mostra fotografica di Lizy Manola presso l’Officina del’Arte Spirituale nell’Isola di San Giorgio Maggiore, nasce da due obiettivi progettuali: armonizzare ogni foto con lo spazio, calibrando con cura lo sfondo che la incornicia; creare un’atmosfera suggestiva, capace di evocare la profonda spiritualità del popolo etiope. Una serie di interventi mirati hanno reso lo spazio essenziale, eliminando i dettagli superflui e razionalizzando il percorso fra gli ambienti. Si è rivelata così un’architettura pura, in cui opere diverse per intensità, luce e colore hanno trovato la loro giusta collocazione in cui un’accurata disposizione di luci e ombre, velate dal timbro terroso dello sfondo, esalta la viva suggestione del racconto fotografico.     Data: 2014  Progettista: Paolo De Benedictis  Collaboratori: Emina Gauzanovic, Maria Angilecchia  Fotografa: Alessandra Chemollo &nbsp;&nbsp;&nbsp;&nbsp;&nbsp;&nbsp;&nbsp;&nbsp;      &lt;&lt;&nbsp; cambia progetto &nbsp;&gt;&gt;

Mostra Fotografica Ethiopia Spiritual Imprints
Abbazia di San Giorgio Maggiore, Venezia

L’allestimento della mostra fotografica di Lizy Manola presso l’Officina del’Arte Spirituale nell’Isola di San Giorgio Maggiore, nasce da due obiettivi progettuali: armonizzare ogni foto con lo spazio, calibrando con cura lo sfondo che la incornicia; creare un’atmosfera suggestiva, capace di evocare la profonda spiritualità del popolo etiope. Una serie di interventi mirati hanno reso lo spazio essenziale, eliminando i dettagli superflui e razionalizzando il percorso fra gli ambienti. Si è rivelata così un’architettura pura, in cui opere diverse per intensità, luce e colore hanno trovato la loro giusta collocazione in cui un’accurata disposizione di luci e ombre, velate dal timbro terroso dello sfondo, esalta la viva suggestione del racconto fotografico.

 

Data: 2014

Progettista: Paolo De Benedictis

Collaboratori: Emina Gauzanovic, Maria Angilecchia

Fotografa: Alessandra Chemollo         

 

<< cambia progetto >>

 Mostra Fotografica Ethiopia Spiritual Imprints Abbazia di San Giorgio Maggiore, Venezia  L’allestimento della mostra fotografica di Lizy Manola presso l’Officina del’Arte Spirituale nell’Isola di San Giorgio Maggiore, nasce da due obiettivi progettuali: armonizzare ogni foto con lo spazio, calibrando con cura lo sfondo che la incornicia; creare un’atmosfera suggestiva, capace di evocare la profonda spiritualità del popolo etiope. Una serie di interventi mirati hanno reso lo spazio essenziale, eliminando i dettagli superflui e razionalizzando il percorso fra gli ambienti. Si è rivelata così un’architettura pura, in cui opere diverse per intensità, luce e colore hanno trovato la loro giusta collocazione in cui un’accurata disposizione di luci e ombre, velate dal timbro terroso dello sfondo, esalta la viva suggestione del racconto fotografico.     Data: 2014  Progettista: Paolo De Benedictis  Collaboratori: Emina Gauzanovic, Maria Angilecchia  Fotografa: Alessandra Chemollo &nbsp;&nbsp;&nbsp;&nbsp;&nbsp;&nbsp;&nbsp;&nbsp;      &lt;&lt;&nbsp; cambia progetto &nbsp;&gt;&gt;

Mostra Fotografica Ethiopia Spiritual Imprints
Abbazia di San Giorgio Maggiore, Venezia

L’allestimento della mostra fotografica di Lizy Manola presso l’Officina del’Arte Spirituale nell’Isola di San Giorgio Maggiore, nasce da due obiettivi progettuali: armonizzare ogni foto con lo spazio, calibrando con cura lo sfondo che la incornicia; creare un’atmosfera suggestiva, capace di evocare la profonda spiritualità del popolo etiope. Una serie di interventi mirati hanno reso lo spazio essenziale, eliminando i dettagli superflui e razionalizzando il percorso fra gli ambienti. Si è rivelata così un’architettura pura, in cui opere diverse per intensità, luce e colore hanno trovato la loro giusta collocazione in cui un’accurata disposizione di luci e ombre, velate dal timbro terroso dello sfondo, esalta la viva suggestione del racconto fotografico.

 

Data: 2014

Progettista: Paolo De Benedictis

Collaboratori: Emina Gauzanovic, Maria Angilecchia

Fotografa: Alessandra Chemollo         

 

<< cambia progetto >>

 Mostra Fotografica Ethiopia Spiritual Imprints Abbazia di San Giorgio Maggiore, Venezia  L’allestimento della mostra fotografica di Lizy Manola presso l’Officina del’Arte Spirituale nell’Isola di San Giorgio Maggiore, nasce da due obiettivi progettuali: armonizzare ogni foto con lo spazio, calibrando con cura lo sfondo che la incornicia; creare un’atmosfera suggestiva, capace di evocare la profonda spiritualità del popolo etiope. Una serie di interventi mirati hanno reso lo spazio essenziale, eliminando i dettagli superflui e razionalizzando il percorso fra gli ambienti. Si è rivelata così un’architettura pura, in cui opere diverse per intensità, luce e colore hanno trovato la loro giusta collocazione in cui un’accurata disposizione di luci e ombre, velate dal timbro terroso dello sfondo, esalta la viva suggestione del racconto fotografico.     Data: 2014  Progettista: Paolo De Benedictis  Collaboratori: Emina Gauzanovic, Maria Angilecchia  Fotografa: Alessandra Chemollo &nbsp;&nbsp;&nbsp;&nbsp;&nbsp;&nbsp;&nbsp;&nbsp;      &lt;&lt;&nbsp; cambia progetto &nbsp;&gt;&gt;

Mostra Fotografica Ethiopia Spiritual Imprints
Abbazia di San Giorgio Maggiore, Venezia

L’allestimento della mostra fotografica di Lizy Manola presso l’Officina del’Arte Spirituale nell’Isola di San Giorgio Maggiore, nasce da due obiettivi progettuali: armonizzare ogni foto con lo spazio, calibrando con cura lo sfondo che la incornicia; creare un’atmosfera suggestiva, capace di evocare la profonda spiritualità del popolo etiope. Una serie di interventi mirati hanno reso lo spazio essenziale, eliminando i dettagli superflui e razionalizzando il percorso fra gli ambienti. Si è rivelata così un’architettura pura, in cui opere diverse per intensità, luce e colore hanno trovato la loro giusta collocazione in cui un’accurata disposizione di luci e ombre, velate dal timbro terroso dello sfondo, esalta la viva suggestione del racconto fotografico.

 

Data: 2014

Progettista: Paolo De Benedictis

Collaboratori: Emina Gauzanovic, Maria Angilecchia

Fotografa: Alessandra Chemollo         

 

<< cambia progetto >>

 Mostra Fotografica Ethiopia Spiritual Imprints Abbazia di San Giorgio Maggiore, Venezia  L’allestimento della mostra fotografica di Lizy Manola presso l’Officina del’Arte Spirituale nell’Isola di San Giorgio Maggiore, nasce da due obiettivi progettuali: armonizzare ogni foto con lo spazio, calibrando con cura lo sfondo che la incornicia; creare un’atmosfera suggestiva, capace di evocare la profonda spiritualità del popolo etiope. Una serie di interventi mirati hanno reso lo spazio essenziale, eliminando i dettagli superflui e razionalizzando il percorso fra gli ambienti. Si è rivelata così un’architettura pura, in cui opere diverse per intensità, luce e colore hanno trovato la loro giusta collocazione in cui un’accurata disposizione di luci e ombre, velate dal timbro terroso dello sfondo, esalta la viva suggestione del racconto fotografico.     Data: 2014  Progettista: Paolo De Benedictis  Collaboratori: Emina Gauzanovic, Maria Angilecchia  Fotografa: Alessandra Chemollo &nbsp;&nbsp;&nbsp;&nbsp;&nbsp;&nbsp;&nbsp;&nbsp;      &lt;&lt;&nbsp; cambia progetto &nbsp;&gt;&gt;

Mostra Fotografica Ethiopia Spiritual Imprints
Abbazia di San Giorgio Maggiore, Venezia

L’allestimento della mostra fotografica di Lizy Manola presso l’Officina del’Arte Spirituale nell’Isola di San Giorgio Maggiore, nasce da due obiettivi progettuali: armonizzare ogni foto con lo spazio, calibrando con cura lo sfondo che la incornicia; creare un’atmosfera suggestiva, capace di evocare la profonda spiritualità del popolo etiope. Una serie di interventi mirati hanno reso lo spazio essenziale, eliminando i dettagli superflui e razionalizzando il percorso fra gli ambienti. Si è rivelata così un’architettura pura, in cui opere diverse per intensità, luce e colore hanno trovato la loro giusta collocazione in cui un’accurata disposizione di luci e ombre, velate dal timbro terroso dello sfondo, esalta la viva suggestione del racconto fotografico.

 

Data: 2014

Progettista: Paolo De Benedictis

Collaboratori: Emina Gauzanovic, Maria Angilecchia

Fotografa: Alessandra Chemollo         

 

<< cambia progetto >>

 Mostra Fotografica Ethiopia Spiritual Imprints Abbazia di San Giorgio Maggiore, Venezia  L’allestimento della mostra fotografica di Lizy Manola presso l’Officina del’Arte Spirituale nell’Isola di San Giorgio Maggiore, nasce da due obiettivi progettuali: armonizzare ogni foto con lo spazio, calibrando con cura lo sfondo che la incornicia; creare un’atmosfera suggestiva, capace di evocare la profonda spiritualità del popolo etiope. Una serie di interventi mirati hanno reso lo spazio essenziale, eliminando i dettagli superflui e razionalizzando il percorso fra gli ambienti. Si è rivelata così un’architettura pura, in cui opere diverse per intensità, luce e colore hanno trovato la loro giusta collocazione in cui un’accurata disposizione di luci e ombre, velate dal timbro terroso dello sfondo, esalta la viva suggestione del racconto fotografico.     Data: 2014  Progettista: Paolo De Benedictis  Collaboratori: Emina Gauzanovic, Maria Angilecchia  Fotografa: Alessandra Chemollo &nbsp;&nbsp;&nbsp;&nbsp;&nbsp;&nbsp;&nbsp;&nbsp;      &lt;&lt;&nbsp; cambia progetto &nbsp;&gt;&gt;

Mostra Fotografica Ethiopia Spiritual Imprints
Abbazia di San Giorgio Maggiore, Venezia

L’allestimento della mostra fotografica di Lizy Manola presso l’Officina del’Arte Spirituale nell’Isola di San Giorgio Maggiore, nasce da due obiettivi progettuali: armonizzare ogni foto con lo spazio, calibrando con cura lo sfondo che la incornicia; creare un’atmosfera suggestiva, capace di evocare la profonda spiritualità del popolo etiope. Una serie di interventi mirati hanno reso lo spazio essenziale, eliminando i dettagli superflui e razionalizzando il percorso fra gli ambienti. Si è rivelata così un’architettura pura, in cui opere diverse per intensità, luce e colore hanno trovato la loro giusta collocazione in cui un’accurata disposizione di luci e ombre, velate dal timbro terroso dello sfondo, esalta la viva suggestione del racconto fotografico.

 

Data: 2014

Progettista: Paolo De Benedictis

Collaboratori: Emina Gauzanovic, Maria Angilecchia

Fotografa: Alessandra Chemollo         

 

<< cambia progetto >>

 Mostra Fotografica Ethiopia Spiritual Imprints Abbazia di San Giorgio Maggiore, Venezia  L’allestimento della mostra fotografica di Lizy Manola presso l’Officina del’Arte Spirituale nell’Isola di San Giorgio Maggiore, nasce da due obiettivi progettuali: armonizzare ogni foto con lo spazio, calibrando con cura lo sfondo che la incornicia; creare un’atmosfera suggestiva, capace di evocare la profonda spiritualità del popolo etiope. Una serie di interventi mirati hanno reso lo spazio essenziale, eliminando i dettagli superflui e razionalizzando il percorso fra gli ambienti. Si è rivelata così un’architettura pura, in cui opere diverse per intensità, luce e colore hanno trovato la loro giusta collocazione in cui un’accurata disposizione di luci e ombre, velate dal timbro terroso dello sfondo, esalta la viva suggestione del racconto fotografico.     Data: 2014  Progettista: Paolo De Benedictis  Collaboratori: Emina Gauzanovic, Maria Angilecchia  Fotografa: Alessandra Chemollo &nbsp;&nbsp;&nbsp;&nbsp;&nbsp;&nbsp;&nbsp;&nbsp;      &lt;&lt;&nbsp; cambia progetto &nbsp;&gt;&gt;

Mostra Fotografica Ethiopia Spiritual Imprints
Abbazia di San Giorgio Maggiore, Venezia

L’allestimento della mostra fotografica di Lizy Manola presso l’Officina del’Arte Spirituale nell’Isola di San Giorgio Maggiore, nasce da due obiettivi progettuali: armonizzare ogni foto con lo spazio, calibrando con cura lo sfondo che la incornicia; creare un’atmosfera suggestiva, capace di evocare la profonda spiritualità del popolo etiope. Una serie di interventi mirati hanno reso lo spazio essenziale, eliminando i dettagli superflui e razionalizzando il percorso fra gli ambienti. Si è rivelata così un’architettura pura, in cui opere diverse per intensità, luce e colore hanno trovato la loro giusta collocazione in cui un’accurata disposizione di luci e ombre, velate dal timbro terroso dello sfondo, esalta la viva suggestione del racconto fotografico.

 

Data: 2014

Progettista: Paolo De Benedictis

Collaboratori: Emina Gauzanovic, Maria Angilecchia

Fotografa: Alessandra Chemollo         

 

<< cambia progetto >>

 Mostra Fotografica Ethiopia Spiritual Imprints Abbazia di San Giorgio Maggiore, Venezia  L’allestimento della mostra fotografica di Lizy Manola presso l’Officina del’Arte Spirituale nell’Isola di San Giorgio Maggiore, nasce da due obiettivi progettuali: armonizzare ogni foto con lo spazio, calibrando con cura lo sfondo che la incornicia; creare un’atmosfera suggestiva, capace di evocare la profonda spiritualità del popolo etiope. Una serie di interventi mirati hanno reso lo spazio essenziale, eliminando i dettagli superflui e razionalizzando il percorso fra gli ambienti. Si è rivelata così un’architettura pura, in cui opere diverse per intensità, luce e colore hanno trovato la loro giusta collocazione in cui un’accurata disposizione di luci e ombre, velate dal timbro terroso dello sfondo, esalta la viva suggestione del racconto fotografico.     Data: 2014  Progettista: Paolo De Benedictis  Collaboratori: Emina Gauzanovic, Maria Angilecchia  Fotografa: Alessandra Chemollo &nbsp;&nbsp;&nbsp;&nbsp;&nbsp;&nbsp;&nbsp;&nbsp;      &lt;&lt;&nbsp; cambia progetto &nbsp;&gt;&gt;

Mostra Fotografica Ethiopia Spiritual Imprints
Abbazia di San Giorgio Maggiore, Venezia

L’allestimento della mostra fotografica di Lizy Manola presso l’Officina del’Arte Spirituale nell’Isola di San Giorgio Maggiore, nasce da due obiettivi progettuali: armonizzare ogni foto con lo spazio, calibrando con cura lo sfondo che la incornicia; creare un’atmosfera suggestiva, capace di evocare la profonda spiritualità del popolo etiope. Una serie di interventi mirati hanno reso lo spazio essenziale, eliminando i dettagli superflui e razionalizzando il percorso fra gli ambienti. Si è rivelata così un’architettura pura, in cui opere diverse per intensità, luce e colore hanno trovato la loro giusta collocazione in cui un’accurata disposizione di luci e ombre, velate dal timbro terroso dello sfondo, esalta la viva suggestione del racconto fotografico.

 

Data: 2014

Progettista: Paolo De Benedictis

Collaboratori: Emina Gauzanovic, Maria Angilecchia

Fotografa: Alessandra Chemollo         

 

<< cambia progetto >>

 Mostra Fotografica Ethiopia Spiritual Imprints Abbazia di San Giorgio Maggiore, Venezia  L’allestimento della mostra fotografica di Lizy Manola presso l’Officina del’Arte Spirituale nell’Isola di San Giorgio Maggiore, nasce da due obiettivi progettuali: armonizzare ogni foto con lo spazio, calibrando con cura lo sfondo che la incornicia; creare un’atmosfera suggestiva, capace di evocare la profonda spiritualità del popolo etiope. Una serie di interventi mirati hanno reso lo spazio essenziale, eliminando i dettagli superflui e razionalizzando il percorso fra gli ambienti. Si è rivelata così un’architettura pura, in cui opere diverse per intensità, luce e colore hanno trovato la loro giusta collocazione in cui un’accurata disposizione di luci e ombre, velate dal timbro terroso dello sfondo, esalta la viva suggestione del racconto fotografico.     Data: 2014  Progettista: Paolo De Benedictis  Collaboratori: Emina Gauzanovic, Maria Angilecchia  Fotografa: Alessandra Chemollo &nbsp;&nbsp;&nbsp;&nbsp;&nbsp;&nbsp;&nbsp;&nbsp;      &lt;&lt;&nbsp; cambia progetto &nbsp;&gt;&gt;

Mostra Fotografica Ethiopia Spiritual Imprints
Abbazia di San Giorgio Maggiore, Venezia

L’allestimento della mostra fotografica di Lizy Manola presso l’Officina del’Arte Spirituale nell’Isola di San Giorgio Maggiore, nasce da due obiettivi progettuali: armonizzare ogni foto con lo spazio, calibrando con cura lo sfondo che la incornicia; creare un’atmosfera suggestiva, capace di evocare la profonda spiritualità del popolo etiope. Una serie di interventi mirati hanno reso lo spazio essenziale, eliminando i dettagli superflui e razionalizzando il percorso fra gli ambienti. Si è rivelata così un’architettura pura, in cui opere diverse per intensità, luce e colore hanno trovato la loro giusta collocazione in cui un’accurata disposizione di luci e ombre, velate dal timbro terroso dello sfondo, esalta la viva suggestione del racconto fotografico.

 

Data: 2014

Progettista: Paolo De Benedictis

Collaboratori: Emina Gauzanovic, Maria Angilecchia

Fotografa: Alessandra Chemollo         

 

<< cambia progetto >>